Area ricercatori
Registrazione
Ricerca libera
  >>
cerca per...
Enti e organismi
Ente Conservatore
Nomi
Luoghi

Archivio di Stato di Massa. Sezione di Pontremoli
Archivio di Stato di Milano
Archivio di Stato di Modena
Archivio di Stato di Novara
Archivio di Stato di Padova
Archivio di stato di Parma
Archivio di Stato di Pavia
Archivio di Stato di Perugia
Archivio di Stato di Perugia. Sezione di Assisi
Archivio di Stato di Pesaro
Archivio di Stato di Piacenza
Archivio di Stato di Pisa
Archivio di Stato di Pistoia
Archivio di Stato di Ravenna
Archivio di Stato di Reggio Emilia
Archivio di Stato di Rieti
Archivio di Stato di Rovigo
Archivio di Stato di Savona
Archivio di Stato di Siena
Archivio di Stato di Sondrio
Archivio di Stato di Teramo
Archivio di Stato di Terni
Archivio di Stato di Terni. Sezione di Orvieto
Archivio di Stato di Torino
Archivio di Stato di Treviso
Archivio di Stato di Udine
Archivio di Stato di Varese
Archivio di Stato di Venezia
Archivio di Stato di Vercelli
Archivio di Stato di Verona
|< < Pag. 2 di 4 > >|
Cassa rischi generi razionati e contingentati
Ente assistenza nazionale lavoratori (Enal)
Ente nazionale assistenza profughi e tutela degli interessi delle province invase
Gioventù italiana, Commissariato provinciale di Vercelli
Opera nazionale invalidi di guerra (Onig), Comitato provinciale
Prefettura di Vercelli
Questura di Vercelli
Tribunale speciale per la difesa dello Stato Rsi
Scheda
Nome Fondo: Vercelli - Ente nazionale assistenza profughi e tutela degli interessi delle province invase
Ente conservatore: Archivio di Stato di Vercelli
Indirizzo: via Manzoni n. 11, 13100 Vercelli; tel: 0161/259595; fax: 0161/220836; e-mail: asvc@archivi.beniculturali.it; http://archivi.beniculturali.it/ASVC
Estremi cronologici: 1944 – 1945
Consistenza: 18 buste
Descrizione sommaria del fondo: Ente istituito con decreto del duce il 2 novembre 1943, cominciò ad operare il 21 marzo 1944. Inquadrato tra gli organismi della Presidenza del Consiglio dei ministri; la sede centrale era a Maderno (Trento). L’Ente aveva il compito di «dare assistenza ai profughi, sfollati, i quali si trovino in condizioni di disagio in dipendenza delle contingenze belliche, rappresentare, durante l’occupazione, gli interessi delle terre invase, impostandone i problemi nel programma dello Stato fascista repubblicano, sviluppare i contatti fra i cittadini profughi o nativi delle regioni invase comunque residenti in altre province per cementarne ed alimentarne i vincoli nel quadro del comune amor di Patria e stabilire il collegamento con le famiglie rimaste nei territori invasi attraverso trasmissioni di notizie, informazioni, ecc». L’articolazione organizzativa dell’Ente assistenza profughi riproduceva quella amministrative della Repubblica di Salò suddividendosi in commissioni provinciali.
Campo note:
Strumenti: Il fondo non è ordinato e risulta privo di strumenti di consultazione.
Referente: Federico Caneparo
ISEC homepage